L'Italia si desta?

Just another WordPress.com weblog

Ma… e la lotta alla Casta?

Posted by Fabio su luglio 5, 2007

Credo sia Capezzone il promotore di Decidere.net. Un programma in 13 punti per tentare il salvataggio di questo misero paese. C’è anche un punto sui pubblici amministratori:

6. Responsabilità patrimoniale del pubblico amministratore
Responsabilità patrimoniale del pubblico amministratore: chi sbaglia e arreca un danno, paghi.

….. e anche uno un po’ vago sulla riforma istituzionale (anche se c’è l’abolizione delle province):

3. Presidenzialismo
Presidenzialismo sul modello americano o francese. Una sola Camera con 500 deputati eletti con sistema maggioritario. Abolizione delle province.

primi firmatari per ora sono tanti e dai colori variegati, da Capezzone a Giancarlo Pagliarini a Luigi Crespi…

Ma, buon Dio, qui non si prende minimamente in considerazione la lotta ai boiardi politicanti e ai loro privilegi! Non sarà perché i promotori… sono anch’essi politici?!

Annunci

8 Risposte to “Ma… e la lotta alla Casta?”

  1. andrea altana said

    Se qualcuno realizzasse la metà di questo programma sarei disposto a concedergli più privilegi del Sultano del Brunei!

  2. Mi dispiace, ma per quanto i politici si sforzino di far capire quanto i loro lussi siano una spesa trascurabile rispetto al sistema burocratico “Italia”, reputo da cittadino, e sicuro di non essere solo a pensarla così, che bisogna cominciare con un “piccolo” esempio di virtù. Infatti se i bilanci di Montecitorio, pensioni, ecc saranno pure trascurabili nel contesto di un Dpef, penso che ci siano sempre modi migliori di spendere quei soldi, che non farli “scomparire” nelle tasche di persone corrotte nell’animo. “Il potere corrompe, il potere assoluto corrompe assolutamente”, diceva Montesquie. I vertici di un sistema devono RITORNARE a dare prova di Virtù, o finiranno per contaminare il sistema tutto. E comunque questo è quello che vuole la maggioranza degli italiani, e noi dovremmo essere in democrazia.

  3. andrea altana said

    Abbiamo la classe politica che ci meritiamo, siamo un popolo che antepone i propri interessi particolari a quelli della comunità e che si rifiuta categoricamente di rispettare le regole quando queste comportano il minimo sacrificio personale.Come si può pretendere di avere governanti diversi? Urge un approfondito esame di autocoscienza a tutta la nazione.

  4. Scipione said

    Andrea hai perfettamente ragione… la stessa tua preoccupazione, in termini diversi, l’ho espressa nel mio primo post

  5. Dunque, io sono un cosiddetto “privilegiato”. Un Consigliere provinciale che guadagna la bellezza di 1706 euro al mese per 12 mensilità e che, stando all’opposizione e volendola fare seriamente, non ha il tempo per fare alto. Scelta mia, ma che venga dipinto come il sultano del Brunei, non mi va giù. Detto questo (visto che sul desktop ho la frase di Ernesto Nathan, “Non c’è trippa per i gatti”), parte del mio impegno è dedicato ai veri sprechi. Che non sono i “costi dei politici” e neppure, a conti fatti, le consulenze. Ma sono (faccio solo un esempio) siti internet che sul mercato costano 2.000 euro e alla pubblica amministrazione 20.000. Tutto con firma dirigenziale, vidimata da “controlli interni” talmente controllosi da non controllare un fico secco.

  6. andrea altana said

    Egregio consigliere Bruschi, in questo forum non stiamo chiedendo di abbassare il Suo stipendio, stiamo chiedendo di mandarLa a casa in quanto lavora in un ente sostanzialmnete inutile come la provincia.
    Anzichè offendersi (non ne ha motivo visto che NESSUNO l’ha definita “sultano del Brunei”, rilegga meglio il post)ci sarebbe piaciuto sapere cosa ne pensa al riguardo.

  7. Caro Altana, sul tema provincia ho risposto sul post dedicato. Non mi sono offeso, né siete stati voi a descrivermi come il sultano del Brunei. Ma dopo la pubblicazione de “La casta” giro con la mia busta paga in tasca e con la dichiarazione dei redditi, visto che una vicina mi chiedeva, guardando la mia Ford Ka, dove tenevo “la macchina bella”… Il libro di Stella e Rizzo è utile, ma vorrei un “La Casta 2” dedicato alla pubblica amministrazione e ai suoi sprechi, che spesso non sono caussati dai politici ma dall’irresponsabilità dei burocrati.

  8. whoah this blog is magnificent i like reading your articles.
    Keep up the great work! You realize, many people are looking round for this information, you can help them greatly.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: